La rubrica di Pia Tubertini

uomo e cane

L’amore per il cane passa dal rispetto e dalle azioni.

 “Se l’amore per il cane non si traduce in azioni, il suo effetto è zero.

– Passeggiate più lunghe ed appaganti
– Esperienze sempre nuove
– Fare un’attività con lui che lo gratifichi
– Stare all’aperto anche se piove o fa freddo
– Alzarsi prima la mattina per fargli bruciare le energie che ha in corpo
– Fargli esplorare ambienti naturali sempre nuovi
– Condividere tempo ed esperienze
– Educarlo con rispetto
– ecc…

La parola AMORE verso il cane, ha un senso solo se la traduciamo in AZIONI CONCRETE verso di lui, altrimenti rimane solo una parola vuota e priva di significato”.

Tratto da “PositivaMente insieme” di D. Marinelli.

Prendo spunto da questo bel libro per alcune riflessioni sul percorso di vita con/del nostro cane.

Sono lontani i tempi in cui il cane era solo una sentinella e una guida e raramente in passato il cane veniva definito “compagno di vita”. I cambiamenti culturali e della sensibilità hanno mutato drasticamente il  nostro modo di relazionarci con gli animali in generale, e con i nostri animali in particolare,  che sempre più spesso definiamo “amico, amore, bimbo o bimba, tesoro…” e via dicendo,  attribuendo loro l’intensità ma anche la pesantezza dei termini e delle emozioni. In questo modo, cioè trattandoli da pari, li investiamo delle nostre aspettative, delle nostre frustrazioni, dei nostri malesseri e delle nostre solitudini.

Porto alla vostra attenzione, come esempio, un paio di situazioni  in cui i proprietari si sono rivolti a me per una consulenza: nel primo, un cane appena uscito da una convalescenza per infortunio non aveva più stimoli per continuare l’attività agonistica; nel secondo, il cane non era “performante” per partecipare agli aperitivi. Vengono rispettate le esigenze di questi animali o i nostri desideri vengono prima di tutto, anche prima del rispetto e del buon senso?

Un rapporto equilibrato con i nostri animali si basa su una regola molto semplice quanto difficile da applicare: trattare gli animali da animali, che tradotto significa: mi prendo cura di te concretamente, ascolto e capisco le tue esigenze (le sue esigenze non le nostre), mi occupo della tua saluta e del tuo benessere, studio-leggo-mi informo per conoscerti meglio, ti ringrazio per tutto l’amore che mi regali e ti dedico tempo. Tempo solo per te, cioè tempo in cui non considero “passeggiata” portarti a fare la spesa con me oppure se sto al cellulare oppure se sto pensando ai fatti miei.

Ci siamo mai fermati un attimo a chiederci il perché se siamo ammalati il nostro animale si mette vicino a noi e non ci lascia, come mai ci sono persone o luoghi che evitano o perché a volte sono talmente insistenti, persino fastidiosi, fino a che non diamo loro ascolto?

Ci siamo mai fermati un attimo a riflettere sul modo di comunicarci i loro bisogni senza l’emissione di alcun suono ma solo con lo sguardo?

“Nulla succede per caso” scrive Hopcke e ogni animale (come ogni altro essere vivente) che incontriamo nella nostra vita è portatore di un insegnamento che ci farà evolvere spiritualmente.

Detto questo è spiegato il motivo per cui quando scelgo i rimedi floriterapici mi occupo in primis di portare equilibrio nel rapporto uomo-animale e a seguire vado a trattare gli aspetti più specifici (se ancora esistono) del disagio.

Per conoscere invece il ruolo che ha nelle nostre vite e l’insegnamento spirituale che il nostro animale ci regala, esiste uno strumento veloce e preciso quanto meraviglioso: le Costellazioni Sistemiche di Hellingher, ve ne parlerò prossimamente.

IL PRONTO SOCCORSO DEI FIORI DI BACH
di Pia Tubertini

gocce_tag

 Il pronto soccorso dei fiori di Bach: il RESCUE REMEDY o ESTRATTO UNIVERSALE

Si avvicinano le vacanze e ora più che mai risulta essere utile avere a portata di mano l’ESTRATTO UNIVERSALE nelle sue diverse formulazioni (in gocce, spray e in crema) da usare nei casi di emergenza, sia fisica che emotiva, per i nostri amici animali e anche per noi.

L’ESTRATTO UNIVERSALE è composto da 5 fiori: 🌺🌺🌺🌺🌺

– Rock rose: per terrore e senso di panico;
– Clematis: per stati di incoscienza, distacco dalla realtà con senso di mancamento;
– Impatient: per irritabilità, per tensione ed impazienza tipiche delle situazioni di emergenza;
– Cherry plum: per la paura di perdere il controllo fisico-mentale-emotivo;
– Star of Bethlem: per traumi fisici e mentali.

L’ESTRATTO UNIVERSALE ha effetti calmanti e stabilizzanti per i nostri amici animali in caso di:

– trauma, incoscienza, shock per paura o incidente, ferite, intervento chirurgico (pre e post intervento), per i cuccioli nati da un parto cesareo (compensa le componenti depressive dell’anestetico che viene iniettato alla madre), panico, aggressività, apatia, disagio negli spostamenti, arrivo di un altro animale o di un bebè in famiglia, difficoltà nell’educazione e nell’adattamento a nuove abitudini, da usare durante i percorsi di educazione con l’educatore cinofilo, durante le gare per controllare lo stress o la ipereccitabilità, per i cani che manifestano il loro disagio abbaiando per lungo tempo, per la paura dei botti o dei temporali, per la paura dei luoghi nuovi o di altri cani o persone, per gli animali catturati o in trappola, per quelli rinchiusi nei trasportini o in gabbia, per aiutarli ad attraversare il ponte dell’arcobaleno e in tutte quelle situazioni di difficoltà-tensione-paura in cui vogliamo essere d’aiuto con uno strumento naturale e senza controindicazioni.

I modi di somministrazione sono numerosi:

– situazioni di trauma, panico, incoscienza: 2 gocce direttamente in bocca ogni 15 minuti, strofinandolo sulle mucose (meglio se diluito), dietro le orecchie, sul becco, sulle parti molli del corpo;

– situazioni di adattamento, aggressività, viaggi: 4 gocce nell’acqua che l’animale berrà nell’arco della giornata per almeno 1 mese a cui aggiungere un fiore di Bach specifico per il disagio che vuole affrontare;

– nella versione spray si può spruzzare direttamente l’ESTRATTO UNIVERSALE sull’animale (evitare gli occhi) oppure, se siamo agitati anche noi (eventualità possibile) possiamo spruzzarcelo abbondantemente sulle mani ed accarezzare l’animale;

– nelle versione in crema si può applicare sulle punture di insetti e (previo parere del veterinario) sulle ferite in via di guarigione, escoriazioni, graffi e può essere applicata in piccola quantità per dolori articolari o muscolari.

IMPORTANTE: l’Estratto Universale NON si sostituisce ai farmaci prescritti dal medico veterinario e non interferisce con altre cure mediche o altre terapie alle quali l’animale potrebbe venire sottoposto, anzi è un supporto emotivo importante per superare i momenti di malattia-difficoltà-crisi.

Mi preme sottolineare che l’ESTRATTO UNIVERSALE è un rimedio di “Pronto Soccorso” che viene usato nella quasi totalità dei casi per un periodo di tempo breve.

A seguito della somministrazione dell’ESTRATTO UNIVERSALE consiglio di consultare il floriterapeuta per sostenere il nostro amico a 2 o 4 zampe nel suo processo di guarigione-cambiamento-adattamento.

Un ultimo suggerimento: se vi trovate nella situazione in cui è utile l’ESTRATTO UNIVERSALE per il vostro animale, sicuramente lo sarà anche per voi. La modalità di assunzione in casi di emergenza è di 2-4 gocce direttamente sotto la lingua anche ogni ora (casi gravi 2 gocce ogni 15 minuti per la prima ora) oppure 4 gocce in poca acqua in un bicchiere da bere a piccoli sorsi ravvicinati.

LOTTA AI PARASSITI
di Pia Tubertini

Cani-che-giocano1Come ben sa chi vive con i 4 zampe è già iniziata la stagione dei noiosissimi parassiti, cosa e come fare per difenderli con i metodi naturali?

Ahimè la gara è veramente dura in quanto non è possibile debellarli completamente e in modo persistente senza ricorrere a rimedi chimici ma qualche cosa si può fare.

Innanzitutto raccomando di non accarezzare l’animale dopo l’applicazione degli spot on o del collare antipulci ALMENO per 48 ore in quanto i principi attivi antiparassitari possono essere assorbiti attraverso la pelle.

Non è vero che immergendo l’animale in acqua le pulci annegano (come più volte ho letto), le pulci si staccano se viene usato uno shampoo adatto (ricordo che le pulci si staccano ma NON muoiono! Quindi attenzione a dove si effettua il lavaggio per non ritrovarsi la casa infestata!).

Nel caso di infestazione degli ambienti il rimedio naturale più efficace è il vapore! A 100° le pulci muoiono e anche le uova, eventualmente aiutarsi dopo con un buon aspirapolvere.

Esistono shampoo a base di aloe e citronella  ma vi invito a fare attenzione agli ingredienti che anche per noi eviteremmo come SODIUM TALLOWATE (da scarti di macellazione), SLS, SELS, COCAMIDE DEA.

Per prevenire esistono in commercio compresse a base di aglio e cipolla ma vi invito a consultare il vostro veterinario di fiducia prima di somministrarle.

Si trovano già pronti in commercio prodotti a base di oli essenziali da spruzzare direttamente sull’animale: a questo proposito ricordo che MAI va applicato un olio essenziale puro sulla pelle dell’animale e che l’unico olio efficace è l’olio di neem che però ha un odore terribile…

Detto questo, come prevenzione, si possono mettere al massimo 3 gocce di olio essenziale di lavanda o geranio o citronella sul collare e ancora meglio si può realizzare una piccola “taschina” da fissare sul collare con un pochino di fiori di lavanda dentro.

Ricetta: 7gc di olio essenziale di lavanda + 7 gc di geranio + 7 gc citronella + 7 gc neem in uno spruzzino per biancheria + 500 ml di acqua. Agitare bene e spruzzare sull’animale, NON sul muso, sulla nanna e negli spazi dove vive.

Ricetta 2: 1 gc di olio essenziale di lavanda + 1 gc di geranio + 1 gc di eucalipto + 1 gc di lemon grass  nel palmo delle nostre mani, strofinarle benissimo l’una con l’altra e accarezzare l’animale NON sul muso.

E’ fondamentale spazzolare quotidianamente i nostri amici a 4 zampe.

Per quanto riguarda la rimozione delle zecche ricordo di:

– far attenzione a non essere punti;

– usare l’apposito “uncino” (nei negozi di animali) o un paio di sottili pinzette per staccarla;

– il movimento corretto per toglierla è una delicata rotazione antioraria;

– una corrente di pensiero sostiene che la zecca debba essere tramortita con una goccia d’alcool,  un’altra corrente sostiene che la zecca debba essere viva e vegeta perché solo in questo modo non si corre il rischio che rilasci della saliva che potrebbe trasmettere infezioni;

– dopo l’ “estrazione” disinfettare bene la zona e controllare che non siano presenti piccole parti della zecca e tenere monitorata la zona anche nei giorni seguenti;

– la zecca rimossa va buttata nel fuoco oppure nel water assicurandosi che sparisca  o nella spazzatura purchè chiusa benissimo in un sacchetto di nylon;

– applicare sulla zona qualche goccia di Rescue Remedy favorisce il ripristino delle condizioni ottimali.

Per foruncoli, pizzicotti, piccole escoriazioni o piccoli eczemi può essere utile un gel a base di aloe.

Per pulire in modo delicato occhi e orecchie consiglio di usare delle garzine morbide bagnate in infuso di camomilla.

<<Mi preme sottolineare che i miei consigli sono frutto di esperienza diretta e che non si sostituiscono mai e per nessuna ragione alle diagnosi e alle cure veterinarie.>>

 

———– ABOUT ———–
Pia TubertiniPIA TUBERTINI
esperta di Fiori di #Bach, #Reiki e #Cromoterapia
utilizzati sugli animali da compagnia.

———– NOVITÀ ———–
Sono arrivate le sciarpe e le bandane
Vibrellula

rimedi naturaliLe sciarpe e le bandane Vibrellula sono in tessuto di canapa, ortica e cotone e sono colorate esclusivamente con estratti vegetali.
Sono una sinergia tra le vibrazioni dei fiori di Bach e le vibrazioni dei colori.
Aiutano i nostri amici in varie situazioni di paura, apatia, depressione, stress e iperattività.
Si possono usare per “avvolgere” in un modo ben preciso il cane o per stenderle sulla sua nanna il modo che ci dorma sopra, si possono appendere nella cuccia o stenderle sul sedile dell’auto.
Per ulteriori informazioni visitare il sito www.vibrellula.it o scrivere a pia@loradeglianimali.it

———– EVENTI ———–

> 16/06 Fiori di Bach con Pia Tubertini
Via Emilia, 194B San Lazzaro di Savena 17.00 – 19.00

evento-pia-tube_172_2d798fcc4c577090a07761b8ee7f7b740a74c2da